Microcitrus il piccolo agrume da 200 euro al chilo

Microcitrus il piccolo agrume da 200 euro al chilo, ovvero il limone caviale – l’Australian Finger Lime – Citrus australasica – Microcitrus

La pianta australiana (Citrus australasica) è un arbusto spinoso understorey o piccolo albero di foresta pluviale subtropicale di pianura e foresta pluviale secca nella regione costiera del Queensland e nel Nuovo Galles del Sud, in Australia. Ha frutti commestibili in fase di sviluppo come potenziale nuova coltura commerciale. Secondo il sistema Swingle non fa parte del genere agrumi, ma in un genere correlato Microcitrus (Microcitrus australasica).

L’ Australian Finger, come suggerisce il nome, è originaria dell’Australia, in particolare per le foreste pluviali delle zone di confine del Queensland sud-orientale e del nord del New South Wales. La pianta è alta 2 o 7 metri. Le prime foglie sono catapili minuti lineari; questi si confondono gradualmente in fogliame giovanile che, a sua volta, si fonde con il fogliame maturo, le cui foglie sono più piccole di quelle di qualsiasi altro albero di Citrus True ad eccezione di Citrus glauca, quando quest’ultimo si verifica in situazioni molto secche.

Le foglie sono piccole, lunghe 1 ÷ 6 cm e larghe 3 25 25 mm, glabre, con punta dentellata e crenato verso l’apice. I fiori sono bianchi con petali lunghi 6 ÷ 9 mm. Produce frutti a forma di dito, lunghi fino a 10 cm, con una sottile buccia verde o gialla e vescicole di succo compresso giallo verdastro che tendono a scoppiare quando la pelle viene tagliata. Anche una forma da rosa a rosso con una pelle dal rosso al porpora o addirittura nera (nota come Citrus australasica var sanguinea) si trova in natura.

L’Australian Finger è stata usata dagli aborigeni per migliaia di anni. La documentazione ha avuto origine dal fatto che è originata senza l’assistenza umana. I primi coloni hanno consumato la frutta e hanno conservato gli alberi durante la pulizia per l’agricoltura. I botanici coloniali hanno suggerito che dovrebbero essere coltivati. La calce australiana è stata ricevuta dal New Wales, in Australia come budwood dal Dr. Joe Furr nel 1965. Li ha donati all’University of California, Riverside nel 1966. Gli alberi del tiglio preferiscono la foresta pluviale protetta o gli habitat sub-pluviali per una crescita prolifica. La sovraesposizione al pieno sole causerà stress agli alberi, producendo così scarse rese di frutta. Sebbene comuni in Australia, la loro presenza globale è ancora oscura.
Esistono diverse varietà di lime australiano, classificate botanicamente come Citrus australasica, che mantengono la stessa forma e costituzione: la varietà Alstonville è verde e senza semi. Judy’s Everbearing è un frutto dalla pelle verde chiaro a rosa con polpa rosa pallido. Pink Ice è simile a Judy’s Everbearing, il suo colorito rubino marrone con polpa color rosa. La viola viola e il rosso Jali condividono la stessa polpa colorante rubino mentre la loro pelle si approfondisce con l’età.

Microcitrus il piccolo agrume da 200 euro al chilo

La pianta e la commercializzazione è abbastanza recentemente resa popolare come alimento da buongustaio ed è conosciuta come il caviale degli agrumi. Ricercatissima dagli chef, col microcitrus ed il bergamotto sono i due agrumi più in voga. La loro pelle liscia e sbiadita, aromatica, appare in una triade di colori e la carne, più che polposa, contiene vescicole a forma di caviale che si schiudono in bocca con un pungolo deciso e aspro. Quando il frutto viene tagliato a metà, le vescicole di succo, che sono sotto pressione, escono come se eruttassero da un mini-vulcano.

A differenza delle teneri sacche di succo a forma di goccia in agrumi standard, le vescicole traslucide, bianco-verdastre o rosate nei polpastrelli sono rotonde e sode, e si schiusano sulla lingua come il caviale, rilasciando un sapore che unisce limone e lime con il verde e note erbacee. L’olio di scorza è anche piuttosto aromatico e contiene isomentone, che è comune nella menta ma raro negli agrumi. Il colore della polpa di carne si intensifica durante l’ultima fase della maturità del frutto.

Il succo di frutta è acido e simile a quello di un lime. Marmellata e sottaceti sono squisite. La scorza di lime può essere essiccata e utilizzata come spezia aromatizzante. Le lime da dito possono essere utilizzate nelle applicazioni cotte, ma sono meglio utilizzate come guarnitura o aggiunta cruda. Il gusto del microcitrus completano i piatti a base di pesce, pollo, meloni, liquori e dessert a base di crema. Usa il lime da dito per aggiungere un lieve scricchiolio e un intenso sapore di agrumi per completare i tuoi tiratori di ostriche, capesante scottate o salmone grigliato.

Affettare l’avocado o i meloni e cospargere il caviale di lime, aggiungere sale marino e gustare uno spuntino pomeridiano rinfrescante e soddisfacente. Il gusto del microcitrus aggiungono un tocco di raffinatezza a cocktail e liquori, o usati come vistosi galleggianti. Usa il caviale di Finger lime come contorno per il sushi, la cheesecake alla lime, il ceviche, i gamberetti alla griglia o qualsiasi piatto in cui un tocco di agrumi sarebbe gratuito.

L’uso commerciale del Microcitrus è nato a metà degli anni ’90 nelle marmellate artigianali a base di frutti selvatici. Nel 2000 il finger lime veniva venduta nei ristoranti, compresa l’esportazione di frutta fresca.

Esiste una gamma crescente di selezioni genetiche che sono incorporate sul portinnesto di agrumi. Con l’improvvisa alta domanda di mercato per il frutto, la fonte primaria di materiale genetico per la propagazione è stata la selezione di animali selvatici.